INSIEME DA 45 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Condominio > FOCUS sulla riforma del Condominio 04/06/2020 02:35:55   





Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformità catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC - Crèdit Agricole
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza età
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Comando Gruppo Carabinieri Nucleo Forestale La Spezia
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica





Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà





 FOCUS sulla riforma del Condominio
 16/12/2013 18:20

a cura del Centro studi di economia immobiliare “ Antonino Caridi”

La riforma del condominio è stata oggetto di un focus  edito dalla sede  spezzina Appc e  curato dal  suo Centro studi di economia immobiliare  “Antonino Caridi” nell’intento di   rendere un servizio di informazione al piccolo proprietario, affinché prenda  coscienza e consapevolezza  dei contenuti della nuova Legge  220 dell’11. 12. 2012  nell’imminenza della sua entrata in vigore.

Il trattato è stato  elaborato dall’avv. Marco Angelini,  che nella stesura  ha  saputo fare chiarezza, dare informazione  e rendere l’argomentazione  di  facile consultazione anche ai non addetti ai lavori.

Addentrandoci nel tema  si evidenzia che ci si trova di fronte ad “una riforma già tutta da riformare”. L’apertura polemica  è dovuta alla delusione per ogni aspettativa di profondo cambiamento che non c’è stata, in quanto, a cosa fatta,  alla riforma è mancato quel salto di qualità che anche l’Appc aveva richiesto e che si attendeva.

 Nel leggere il testo legislativo, cogliendo modifiche e cambiamenti, ci si accorge che si poteva e si doveva fare di più e meglio, ma  è fallita quella revisione radicale, che tanto si auspicava: ne è mancato il coraggio e si è persa l’occasione per modernizzare “l’istituto del condominio” rendendo le regole  più conformi a quelle che si incontrano negli altri paesi dell’Unione Europea.

 Altro sarebbe stato attuare quella rivoluzione copernicana che attribuisse al condominio quella capacità  di soggettività giuridica, certamente limitata alla gestione delle parti comuni ed ai rapporti con i terzi, fornitori e creditori, che lo avrebbe distinto dalle persone fisiche del condominio. L’innovazione avrebbe richiesto, però, un impianto normativo diverso da quello che ci ha condizionato per settanta anni ed il Condominio avrebbe smesso di essere considerato un “ ente di gestione”, e così non sarebbe stato più necessario  dovere ricorrere ai soliti continui escamotage e si sarebbero potuti risolvere molti problemi.

Ma l’andirivieni dei disegni di legge proposti, riproposti e modificati nelle sedi parlamentari, alla fine ci hanno consegnato una riforma che ha captato ed inglobato molte delle innumerevoli elaborazioni della giurisprudenza, che nel tempo si sono tradotte in  una molteplicità di pronunce.

Va rilevato, perlomeno, che la volontà di recepire, durante l’iter, certi interventi delle associazioni della proprietà ha inciso su norme  che, se introdotte, avrebbero creato conflittualità danneggiando e proprietari e amministratori.

Gli associati possono  ritirare il focus  sulla riforma,  gratuitamente, accedendo alla segreteria provinciale via Fiume, 85 la Spezia.

 

                                                                                                                       dott.  Flavio Maccione

                                                                                                                     segretario generale Appc

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le più rappresentative a livello nazionale.