INSIEME DA 45 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > News > La Legge 10 del 14 gennaio 2013 30/05/2020 10:37:45   





Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformità catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC - Crèdit Agricole
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza età
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Comando Gruppo Carabinieri Nucleo Forestale La Spezia
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica





Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà





 La Legge 10 del 14 gennaio 2013
 13/12/2013 18:08

 fa crescere le aree verdi urbane

 
Da metà febbraio scorso è entrata in vigore la Legge 10/2013 che darà una spinta importante verso la tutela e la valorizzazione degli spazi verdi cittadini. 
 
Definita dall’ex Ministro dell’ambiente Corrado Clini come "un passo importante per lo sviluppo sostenibile delle città italiane e per diffondere la cultura del verde”, la legge riconosce il 21 novembre quale giornata nazionale degli alberi. 
Tale giornata viene istituita al fine di perseguire l’attuazione del protocollo di Kyoto e le  politiche di riduzione delle emissioni, la prevenzione del dissesto idrogeologico, la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, ma anche per valorizzare le tradizioni legate all’albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani.
 
La legge interviene anche con alcune modifiche alla Legge 113/92, che dispone la posa di un albero per ogni neonato, restringendo l’obbligo ai soli comuni con più di 15.000 abitanti, modificando le tempistiche di piantumazione ed  allargando la disposizione oltre che per i neonati residenti anche per i minori adottati.
 
La norma istituisce inoltre presso il Ministero dell’ambiente il Comitato per lo Sviluppo del Verde Pubblico che provvede ad effettuare azioni di controllo sul rispetto delle disposizioni della legge 113/92 e di tutte le ulteriori disposizioni della Legge 10, finalizzate all’incremento del verde pubblico e privato. 
Tra i vari compiti del Comitato vi è quello di proporre “un piano nazionale che, d’intesa con la Conferenza unificata (art. 8 DLgs 284/97),  fissi criteri e linee guida per la realizzazione di aree verdi permanenti intorno alle maggiori conurbazioni e di filari alberati lungo le strade, per consentire un adeguamento dell'edilizia e delle infrastrutture pubbliche e scolastiche che garantisca la riqualificazione degli edifici, anche attraverso il rinverdimento delle pareti e dei lastrici solari, la creazione di giardini e orti e il miglioramento degli spazi”.
 
L’articolo 5 della legge amplia la disposizione prevista dall’articolo 43 della legge 449/97, che prevede l’opportunità per le pubbliche amministrazioni di stipulare contratti di sponsorizzazione ed accordi di collaborazione con soggetti privati ed associazioni, senza fini di lucro, anche alle iniziative finalizzate a favorire l’assorbimento delle emissioni di anidride carbonica dall’atmosfera tramite l’incremento e la valorizzazione del patrimonio arboreo delle aree urbane.
 
La legge promuove le iniziative locali per lo sviluppo di spazi verdi e di cinture verdi  intorno alle conurbazioni per delimitare gli spazi urbani, adottando misure per la formazione del personale e l'elaborazione di capitolati finalizzati alla migliore utilizzazione e manutenzione delle aree, e adottano misure volte a favorire il risparmio e l'efficienza energetica, l'assorbimento delle polveri sottili e a ridurre l'effetto «isola di calore estiva», favorendo al contempo una regolare raccolta delle acque piovane.
 
Particolare attenzione viene poi posta al rinverdimento delle aree oggetto di nuove edificazioni, delle coperture e delle pareti degli edifici esistenti con la possibilità di trasformare i lastrici solari in giardini pensili e di rivestire le pareti con tecniche di verde pensile verticale.
 
Viene disposta inoltre la tutela e la salvaguardia degli alberi monumentali sia all’interno sia all’esterno dei centri abitati.
 
La legge è un chiaro segnale verso la previsione e la realizzazione di grandi aree verdi pubbliche nell'ambito della pianificazione urbanistica, con particolare riferimento alle zone a maggior densità edilizia, alla tutela e alla salvaguardia degli alberi monumentali, dei filari e delle alberate di particolare pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale.
 
                                                                                                    Arch. Sabrina Cavana

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le più rappresentative a livello nazionale.