INSIEME DA 45 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Fisco casa > Bonus ristrutturazione: omessa comunicazione ENEA 14/11/2019 19:55:57   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà






Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformità catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza età
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password





 Bonus ristrutturazione: omessa comunicazione ENEA
 23/05/2019 15:29

Non si perde il bonus ristrutturazioni in caso di omessa comunicazione Enea, seppure obbligatoria per il contribuente.

A confermarlo è l'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 46/E del 18 aprile 2019: il mancato rispetto dell'obbligo di comunicazione Enea per i lavori di ristrutturazione edilizia che comportano anche un risparmio energetico non comporta la perdita del diritto a beneficiare della detrazione fiscale Irpef del 50%.

LA NOVITA? La risoluzione dell'Agenzia delle Entrate arriva a seguito del parere espresso dal Ministero dello Sviluppo Economico, ed è fondamentale ora che è partita la corsa alle detrazioni da inserire nel modello 730/2019. Tra queste vi sono anche le spese di ristrutturazione edilizia sostenute nel 2018, anno in cui è partito l'obbligo di comunicazione all'Enea.

L'Agenzia delle Entrate specifica è che la comunicazione Enea resta obbligatoria, seppur priva di conseguenze fiscali e sanzioni per il contribuente.

CHI DEVE FARLA? L'adempimento della comunicazione Enea è a carico di cittadini; condomini; imprese che effettuano lavori di ristrutturazione e risparmio energetico.

GLI INTERVENTI INTERESSATI? L'obbligo di comunicazione riguarda chiunque ha pagato delle fatture per lavori classificati come risparmio energetico utilizzando il bonifico per ristrutturazione, sia nel caso in cui la fattura riguardi solo l'acquisto dei beni elencati, sia nel caso in cui si tratti di fatture per interventi più ampi che elencano, però, anche l'installazione degli impianti in questione. La lista comprende:

coibentazione (interventi su tetti e/o pareti e/o pavimenti); solare termico; installazione di infissi completi di finestre; caldaie e climatizzatori, pompe di calore; sistemi ibridi (caldaie a condensazione e pompe di calore); microcogeneratori; stufe a biomasse; impianti fotovoltaici; sistemi di Building Automation per il controllo a distanza degli impianti energetici.

In caso di bonus mobili, invece, la comunicazione è necessaria in caso di acquisto di: forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavatrici, lavasciuga, asciugatrici.

 

Appio Eustachio

Commissione fiscale nazionale APPC

Qui sotto puoi consultare gli allegati dell' articolo
 RISOLUZIONE N. 46 E del 18.04.2019 (003)
Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le più rappresentative a livello nazionale.