INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > News > Introdotta dal Governo Conte la flat tax al 21% su contratti di locazione adibiti ad uso commerciale 15/12/2018 21:23:54   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà






Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 Introdotta dal Governo Conte la flat tax al 21% su contratti di locazione adibiti ad uso commerciale
 17/10/2018 15:01

Il vice premier Matteo Salvini e la compagine governativa nella manovra si sono schierati per la cedolare secca anche sulle locazioni ad uso commerciale, come, già, anticipatoci, in un recente contatto, dal sottosegretario all'Economia e alle finanze, Massimo Bitonci.

E' da rilevare che l'introduzione di una flat tax al 21% sui contratti  ad uso commerciale, oltre che diffondere un chiaro segnale di fiducia, è finalizzata ad attrarre sia dal punto di vista sociale, sia dal punto di vista economico quegli interessi  che indurranno lo sviluppo e la crescita di un settore, quale il terziario, oggi in affanno: tale misura potrebbe portare a rivitalizzare i centri storici, contribuendo a rialzare le serrande dei negozi chiusi; infine è un modo per condurre lo stato ad un recupero dell'evasione fiscale, come, già, verificatosi nell'uso abitativo.

L' iniziativa di ridare redditività a quella realtà immobiliare significativa, destinata all'uso diverso, sta muovendo i primi passi, ma necessita di un quadro più organico, dedicato ad una riforma completa dell'uso commerciale: a questo punto i tempi sembrano maturi per l'esame della proposta di legge elaborata da Appc.

La rivisitazione della Legge 392/78 sulle locazioni ad uso diverso dall'abitazione è stata raccolta come necessità, scaturita dalla base dei piccoli proprietari e dall'analisi di una mutata realtà economico-sociale che, in un momento di crisi, ha visto chiudere molte attività e dalla costatazione che molti operatori del settore terziario non sono proprietari dei locali, ove svolgono le attività. La finalità della proposta è conciliare le esigenze della proprietà, che nella locazione ha l'intento di perseguire una redditività, con quelle degli operatori economici, che necessitano di tranquillità per svolgere ed incrementare le loro attività. Si intende intervenire sulla durata dei contratti per garantire maggiore stabilità operativa, fornendo, nel contempo, duttilità e diversificazione alle forme contrattuali, con l'introduzione della novità del contratto “a valore concordato” con vantaggi fiscali per la proprietà.  Nel testo è prevista anche la cessione del diritto di usufrutto per un periodo ventennale, foriera di un doppio obiettivo: stabilità per l'operatore e nessun peso fiscale per la proprietà. L'intento della proposta Appc è andare a ritessere quella fiducia che consenta di rialzare quelle serrande che in molti hanno chiuso.

Avv. Marco Evangelisti

Presidente nazionale Appc

dott. Flavio Maccione

Segretario generale nazionale Appc

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.