INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Condominio > Fibra ottica per i nuovi fabbricati 25/09/2018 22:00:50   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 Fibra ottica per i nuovi fabbricati
 08/08/2018 15:28

Senza dotazione di fibra ottica i nuovi fabbricati non possono ottenere il certificato di agibilità.

La Legge 164 del 2014 ha modificato il testo unico dell'edilizia (DPR 380/2001), introducendo l'articolo 135/bis, che, in generale, è poco conosciuto e poco applicato. Questo provvedimento stabilisce che tutti gli edifici di nuova costruzione debbano essere provvisti di una infrastruttura multiservizio passiva, collocata all'interno dell'edificio stesso in adeguati spazi, con impianti di comunicazione ad alta velocità in fibra ottica, fino al raggiungimento di punti terminali di rete.

L'obbligo di questa dotazione è allargato anche ai casi di opere edilizie, che richiedano il rilascio di un permesso di costruire, come in una ristrutturazione totale.

La mancata applicazione delle disposizioni della norma, andata a regime dal 1° luglio 2015, determina gravi conseguenze, quali il mancato rilascio, da parte dell'Ente locale, dell'agibilità e la non trasferibilità del bene, oltre ad eventuali cause risarcitorie, che potrebbero essere promosse.

Questa normativa non è applicabile alle vecchie costruzioni, realizzate prima del primo luglio 2015. E' da ritenere, tuttavia, che, in caso di ristrutturazione di un impianto centralizzato del condominio di ricezione televisiva e satellitare, debba essere valutata la possibilità di realizzare un impianto centralizzato multiservizio in fibra ottica, attraverso l‘istallazione di un cavo multifibra. Questo può essere inserito nelle canalizzazioni dell'impianto di antenna e può essere un elemento che valorizza l'unità immobiliare, che viene dotata di un impianto tecnologico, che, nel futuro immediato diventerà un elemento indispensabile nella vita quotidiana e di ciò occorre, fin d'ora, tenere conto. Non è neppure trascurabile l'effetto estetico e la maggiore sicurezza conseguente  tale istallazione  che eliminerebbe l'invadenza di tante antenne e cavi ammassati lungo le parti comuni dei fabbricati.

Ramona Gris
Vice segretaria nazionale

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.