INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > News > OCCUPAZIONE ABUSIVA: STATO E MINISTERO DEGLI INTERNI CONDANNATI AL RISARCIMENTO 18/07/2018 18:28:09   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 OCCUPAZIONE ABUSIVA: STATO E MINISTERO DEGLI INTERNI CONDANNATI AL RISARCIMENTO
 12/07/2018 17:20

Il tribunale di Roma con sentenza n° 13719/2018, Giudice Alfredo Sacco, ha condannato, in solido fra loro, il Ministero dell'interno e lo Stato italiano, a risarcire al proprietario, che aveva un immobile occupato abusivamente da nove anni, il danno, quantificato nella somma di 28 milioni di euro da "pagare immediatamente". Motivazione della sentenza: l'apparato dello Stato deve attivarsi affinché il legittimo proprietario possa disporre dell'immobile, che viene detenuto abusivamente.

E' una sentenza nella quale le omissioni delle Autorità amministrative, quali la “mancata prevenzione dell'occupazione” e “la sua mancata repressione, sgombero” costituiscono il presupposto del risarcimento.

Nella sentenza viene precisato che il proprietario aveva agito praticando ogni via ragionevole, senza pretendere oneri incongrui. Si evidenzia che il diritto del privato è un diritto soggettivo del privato nei confronti dello Stato, che, colpevolmente, ha mancato di prevenzione dell'occupazione ed ha mancato l'esecuzione del provvedimento di sgombero. La forza pubblica, secondo l'uso di Legge, oltre a garantire il godimento dell'immobile al proprietario, garantisce anche ordine e sicurezza pubblica, infatti "Se l'esecuzione degli sgomberi forzati può nell'immediato provocare disordine e turbamenti dell'ordine pubblico, la tolleranza delle occupazioni abusive, al contrario, può determinare situazioni di pericolo meno evidenti ma decisamente più gravi nel medio e nel lungo periodo. Tollerare simili occupazioni abusive, conclude la sentenza, può consentire il formarsi di "zone franche" utili per ogni genere di traffico illecito".

La quantificazione della risarcibilità del danno è stata fatta anche in funzione dell'impossibilità per il proprietario di poter disporre dell'immobile, dopo averne analizzato il valore locativo, e valutando, inoltre, l'impossibilità per lo stesso di concludere con positività l'investimento preventivato, rapportandolo parimenti alla mancanza del profitto.

Una volta tanto, lo stato di diritto ha avuto la sua attuazione.

 

dott. Flavio Maccione

segretario generale nazionale Appc

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.