INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > News > Dall'Appc a Giuseppe Conte, Presidente cm , le misure per il rilancio del settore immobiliare. 24/06/2018 18:16:03   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 Dall'Appc a Giuseppe Conte, Presidente cm , le misure per il rilancio del settore immobiliare.
 05/06/2018 12:26

Al neo presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, l'Appc, Associazione piccoli proprietari case, nell'indirizzargli l'augurio di proficuo lavoro, rivolge un accorato appello per richiedere più attenzioni per il settore immobiliare, al fine di rilanciarne lo sviluppo e la crescita.

Continuare a seguire vecchi percorsi non solo sarebbe perverso, ma porterebbe il Paese ad approfondire una crisi del mattone, già di per sé, senza precedenti: l'Italia è l'unico Paese, in Europa, dove i prezzi degli immobili continuano a scendere, complice una molteplicità di fattori.

L'Appc ritiene, come più volte sollecitato, che un abbattimento della pressione fiscale sugli immobili, con una tassazione unica, oltre a dare un forte segnale alle famiglie ed agli investitori del settore, possa contribuire a rimettere in gioco un volano dell'economia che tutte le compagini governative precedenti hanno disatteso, nonostante il mattone abbia subito una crisi pesantissima: si stima che, dal 2013 ad oggi, tutto il comparto immobiliare abbia perso circa 780.000 posti di lavoro! E', inoltre, fondamentale che venga data attuazione ad una politica che rimetta al centro dello sviluppo e della crescita la casa, fonte di benessere per tutti i popoli. Per questo è necessario un piano organico, che tenga conto tra l'altro, di misure di semplificazione delle autorizzazioni edilizie, di misure a favore dell'investimento immobiliare, dell'inserimento a regime delle percentuali delle detrazioni fiscali relative agli interventi di manutenzione, di efficientamento energetico e di messa in sicurezza dei fabbricati e, per evitare spreco, nel consumo del suolo, si ritiene indispensabile una politica di rivitalizzazione, riqualificazione e rigenerazione dei centri storici.

Si auspica che tutto il comparto immobiliare sia oggetto di attenta riflessione, per dare attuazione ad accorgimenti e correttivi, nel più breve tempo possibile, per consentire una forte e stabile ripresa del Paese anche attraverso investimenti, che sono quelli che attuano la crescita reale.

Siamo pronti a dare il nostro contributo in un confronto con le organizzazioni di tutto il comparto immobiliare.

 

dott. Flavio Maccione

segretario generale nazionale Appc

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.