INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Condominio > Provincia della Spezia 36.000 caldaie Fantasma Una vera bufala 15/12/2018 22:49:44   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà






Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 Provincia della Spezia 36.000 caldaie Fantasma Una vera bufala
 18/12/2017 11:09

Premesso che la prerogativa della sicurezza non è solo di altri, ma l'Appc, associazione piccoli proprietari case, da sempre, ha puntato sulla responsabilizzazione dei propri associati circa le conseguenze che possono derivare da impianti termici "fuori legge", parlare di 36.000 (dato che, secondo fonti Appc, appare del tutto infondato) impianti domestici non censiti è un dato che crea, già, di per se stesso, allarme. Ma l'affermazione non significa che i cittadini convivano con impianti pronti a deflagrare, (non sono così sciagurati i proprietari / conduttori di immobili!)  Chi non ha provveduto a denunciare la propria caldaia, vuoi per dimenticanza, vuoi per eccesso di complessità, vuoi per noncuranza, e per questo è giustamente perseguibile amministrativamente, generalmente ha una caldaia che, nell'esercizio delle funzioni, rispetta i canoni di sicurezza.

Si vuole rilevare anche come la maggior parte delle caldaie di impianti centralizzati condominiali, nel tempo, siano state oggetto di particolari attenzioni da parte dei conduttori delle caldaie stesse e degli amministratori e, in questo ambito, si ritiene che le norme vengano rispettate così come i controlli, che vengono eseguiti periodicamente.

L'Appc, in questo campo, sceglie il percorso della sensibilizzazione e non quello della denuncia. Non è condivisibile l'allarme lanciato sulla stampa da una organizzazione della proprietà, non giova, in una situazione di massima difficoltà delle famiglie, fare terrorismo psicologico: il cittadino più che spaventato, vessato e punito va educato, responsabilizzato ed informato.

Giusta, quindi, più informazione e divulgazione anche da parte delle istituzioni e meno allarmismi! considerato, tra l'altro, che chi è preposto ad effettuare i controlli istituzionali non è in grado di provvedervi per carenza di personale e mancanza di risorse. Sarebbe forse meglio pensare ad istituzionalizzare il controllo annuale manutentivo della caldaia da eseguirsi da tecnici specializzati in grado di poter attestare una sorta di "Bollino di sicurezza", si avrebbe così molta più certezza, rispetto a controlli sporadici e/o a campione.

Dott. Flavio Maccione

Segretario generale nazionale Appc

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.