INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Locazione > LA CERTIFICAZIONE DI STABILITĄ OBBLIGATORIA 18/11/2017 16:26:37   


Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 LA CERTIFICAZIONE DI STABILITĄ OBBLIGATORIA
 11/07/2017 10:58

LA CERTIFICAZIONE DI STABILITÀ OBBLIGATORIA NON PASSA ATTRAVERSO
UN PROGETTO STRUTTURATO DI PREVENZIONE

Le dichiarazioni rese, a fronte del recente fatto di cronaca di Torre Annunziata, dal Ministro alle Infrastrutture, Franco Del Rio, non possono che lasciarci stupefatti, infatti pensare di dotare i fabbricati dell'obbligo del certificato di stabilità, che intenderebbe inserire nella prossima legge di stabilità, non può considerarsi la panacea di tutti i mali.

Il provvedimento paventato appare del tutto non strutturato, inoltre legare tale certificazione alle compravendite ed alle locazioni influirà negativamente, sottoponendo i proprietari ad un ennesimo balzello, che contribuirà all'immobilizzazione del già asfittico settore immobiliare.

L'Appc è contraria ad obblighi che hanno solo l'effetto, dal punto di vista politico, di voler distogliere l'attenzione dai veri problemi di sicurezza dei fabbricati, in particolare, è auspicabile istituire "presidi di controllo ad hoc" presso tutti gli Enti locali che possano esprimere valutazioni vincolanti prima del rilascio dell'autorizzazione e con funzioni di accertamento di successiva idoneità ad intervento di ristrutturazione effettuato.
Ma, come più volte sollecitato da Appc, il problema della sicurezza deve essere affrontato con provvedimenti che la incentivino, come quelli previsti dal sismabonus, che dovrebbero permanere nel nostro ordinamento.

Non va perso di vista che investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà.

La prevenzione deve essere considerata una priorità ed un investimento costante da parte dello Stato e degli Organi istituzionali. Credere in un piano volontario dei cittadini, volto alla sicurezza, o in un piano imposto, non può risolvere il problema che, invece, ha la necessità di specifico inserimento con interventi strutturati ed organizzati. Prevenzione significa poter salvare migliaia di vite umane ed evitare costi alla collettività.

Il salto culturale, che il ministro Del Rio evoca nei confronti dei proprietari, non può trovare alcuna attuazione in provvedimenti meramente burocratici   che non consentono, di fatto, l'attuazione di un più ampio piano sulla stabilità e sicurezza.

Avv. Marco Evangelisti
Presidente Nazionale APPC

Dott. Flavio Maccione
Segretario generale nazionale APPC

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.