INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Condominio > L’ECCESSO DI POTERE DELL’ASSEMBLEA 25/09/2017 15:13:54   


Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformità catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza età
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 L’ECCESSO DI POTERE DELL’ASSEMBLEA
 21/04/2017 10:19

Prendiamo spunto da una recentissima impugnazione di una delibera assembleare da parte di un signore ad un tempo condomino-avvocato-giudice di pace – attinente la decisione della maggioranza dei condomini di far cadere la loro preferenza sul preventivo più costoso fra quelli presentati in assemblea, per soffermarci sul significato di "eccesso di potere" in condominio. Cominciamo col porci la domanda: il giudice può sindacare, per esempio in tema di scelta dell'offerta per prestazione professionale di tecnici in materia di capitolato e computo metrico, entrando nel merito della congruità del costo della prestazione?

È noto che il sindacato del giudice, in sede di impugnativa delle delibere di assemblee, attiene solo alla legittimità di questa (e quindi alla violazione della legge o del regolamento) con preclusione dell'esame del merito e cioè dei motivi che possono aver indotto la maggioranza dei condomini a scegliere un preventivo piuttosto che un altro. E, tuttavia, il contenuto di opportunità e convenienza può essere sindacato dall'autorità giudiziaria a parere della Corte di Cassazione del 1978 sent. N°3177, allorquando i condomini abbiano deliberato travalicando i limiti di legge per eccesso di potere.

La nozione di eccesso di potere in ambito di diritto civile condominiale non è previsto espressamente da una norma specifica; è invece frutto di elaborazione giurisprudenziale, siccome è di origine strettamente amministrativa appartenendo solo al campo del diritto pubblico. La Corte di Cassazione nel 1968 e nel 1978 rispettivamente con sentenze n°1865 e n°3177 statuì che non può essere dedotto a motivo di annullamento di una delibera di assemblea l'apprezzamento di fatto da parte della maggioranza dei condomini degli argomenti trattati in assemblea, salvo che la causa del provvedimento adottato sia falsamente deviata dal suo normale modo di essere, cioè la decisione della maggioranza sia viziata da eccesso di potere.

In vero la nozione di eccesso di potere non è ben definita nei suoi contorni neanche in giurisprudenza e neppure dalla dottrina. In via prevalente si ritiene che l'eccesso di potere dell'assemblea si ricollega a una grave lesione dell'interesse della comunione, alla stregua dell'art.1109 1°co. Codice civile. Sicché, quando la delibera di assemblea violi la legge, l'eccesso di potere non si configura come vizio autonomo identificabile con una falsa deviazione della causa del provvedimento, ma si identifica con la violazione di legge. E, dunque, tutte le volte che una delibera assembleare crei un pregiudizio grave all'amministrazione della cosa comune sussisterà il vizio di eccesso di potere. Occorre però dare prova concreta che la deliberazione è gravemente pregiudizievole alla cosa comune, attraverso, per esempio, nel caso di due preventivi di prestazione tecnica presentati da due distinti tecnici, un ingegnere e un geometra, la disamina anche comparativa dei costi e delle prestazioni offerte con i costi e le prestazioni di altri tecnici.

In tema di eccesso di potere, la Cassazione del 2001, sent. N°5889 ha puntualizzato che il sindacato dell'Autorità giudiziaria deve limitarsi al riscontro della legittimità che, oltre ad avere riguardo alle norme di legge o del regolamento di condominio deve comprendere anche l'eccesso di potere, ravvisabile quando la decisione sia deviata dal suo modo di essere, perché in tal caso il giudice non controlla l'opportunità o la convenienza della soluzione adottata dalla  delibera impugnata, ma deve stabilire solo che essa sia o meno il risultato del legittimo esercizio del potere discrezionale dell'assemblea.

Anche il Tribunale di Busto Arsizio nel 2000 ha sentenziato che il sindacato dell'Autorità non può estendersi alla valutazione del merito e al controllo della discrezionalità dell'organo deliberante e del legittimo esercizio del suo potere discrezionale. Nello specifico il Tribunale ha respinto l'impugnativa di un condomino con la quale si contestava la decisione dell'assemblea di preferire un preventivo più costoso rispetto ad un altro più vantaggioso.

Giuseppe Simone
Vice Segretario Nazionale APPC

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le più rappresentative a livello nazionale.