INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Condominio > L’AMMINISTRATORE REVOCATO QUANDO PUÓ ESSERE RIELETTO 18/11/2017 16:42:05   


Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformità catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza età
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 L’AMMINISTRATORE REVOCATO QUANDO PUÓ ESSERE RIELETTO
 12/04/2017 16:53

Una criticità contenuta nella novella legislativa n°220 del 2012 riguarda l'ipotesi di rinnovabilità della nomina ad amministratore di condominio per l'amministratore che sia stato revocato dall'incarico a seguito di un atto  dell'Autorità giudiziaria.

In vero la disposizione di cui al comma 13 dell'art.1129 c.c. prescrive che in caso di revoca da parte dell'Autorità giudiziaria l'assemblea non può nominare nuovamente l'amministratore destituito.

Ci si chiede qual è la corretta interpretazione di tale disposizione, e per effetto del decisum del Tribunale se l'avvenuta revoca giudiziaria determini un impedimento alla eleggibilità alla carica del rappresentante del condominio.

In primo luogo occorre osservare che il richiamato art.1129 c.c. prende in esame sia l'ipotesi di gravi irregolarità  di cui al comma 11, sia quella della mancata o ritardata presentazione del rendiconto annuale.

Al riguardo si segnala l'Ordinanza del Tribunale di Foggia  del 4 Novembre 2016 che ha disposto la revoca dell'amministrazione per omessa convocazione dell'assemblea, per l'approvazione del rendiconto condominiale  1/1/15  - 31/12/15 nei termini previsti dalla legge. Invero il Consiglio dei Condomini stabiliva la data di convocazione invitando l'amministratore a mandare l'avviso di convocazione entro il 30/06/16.

Il consiglio approvava il rendiconto fissando le date dell'assemblea per il 5 e il 6 settembre 2016. L'amministratore pur se materialmente avvisava i condomini il 28 giugno '16, l'assemblea risultava convocata oltre il termine previsto di 180 gg (6 settembre 2016).

Detta condotta dell'amministratore -secondo i giudici- integrava la fattispecie omissiva di cui al combinato disposto degli artt. 1129 e 1130 c.c. non potendosi ritenere giustificata tale ritardata convocazione ed essendo inoltre stata demandata  la decisione sulla data di convocazione ad un soggetto differente da quello a ciò preposto dal codice.

L'interpretazione letterale del testo normativo lascia chiaramente intendere che  non è consentito all'assemblea l'immediata rinomina ovvero l'immissione in carica dell'amministratore revocato.

In effetti l'avverbio "nuovamente" va interpretato nel senso che non può l'assemblea, neppure a maggioranza, nominare nuovamente l'amministratore rimosso giudizialmente.

Fatta questa precisazione, resta in piedi la questione se l'impossibilità di insediare nuovamente l'amministratore vale sine die o debba riferirsi soltanto all'esercizio condominialistico successivo alla revoca.
Chiarito che la norma codicistica impedisce al condominio di poter nominare e insediare l'amministratore nella carica dell'amministratore revocato, tuttavia una volta che il condominio abbia designato un altro amministratore, è plausibile che le dimissioni o la scadenza del mandato dell'amministratore in carica, subentrato a quello precedente destituito, non consente più di applicare il divieto previsto dall'art.1129 c.c. 9° co. che, secondo dottrina può riferirsi solo all'immediata conferma dell'amministratore revocato.

Secondo la migliore interpretazione l'avverbio "nuovamente" non avrebbe il significato di impossibilità di nomina sine die, bensì deve intendersi temporaneamente circoscritto a una annualità di gestione, lasciando la possibilità alla maggioranza dei condomini di nominare nuovamente l'amministratore in precedenza revocato e senza che ciò possa costituire un vulnus dei diritti di coloro che in precedenza hanno promosso l'azione giudiziaria volta alla rimozione dell'amministratore.
Impedire per sempre, ovvero a tempo indeterminato, alla maggioranza dei condomini di rinominare l'amministratore revocato dall'Autorità giudiziaria in anni condominialistici passati, è una sanzione eccessiva, ingiustificata e irragionevole, che contrasta con i principi costituzionali di libertà di svolgimento della professione e di autonomia gestionale del condominio nei rapporti contrattuali.

Da quanto innanzi si può trarre la conclusione, interpretando la lettera del testo normativo, che l'effetto sanzionatorio può valere solo per l'immediata rinnovazione della nomina e non può trasformarsi in una sanzione a tempo indeterminato.

Dott. Mauro Simone
Consigliere nazionale APPC

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le più rappresentative a livello nazionale.