INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > News > EMERGENZA ABITATIVA: MOZIONE AL SOLLEONE DEL SINDACO DI LIVORNO 18/11/2017 16:43:02   


Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 EMERGENZA ABITATIVA: MOZIONE AL SOLLEONE DEL SINDACO DI LIVORNO
 03/08/2016 16:20

La canicola toglie lucidità, la mozione “al solleone” approvata dal Consiglio comunale di Livorno, a guida Cinque Stelle, che intende risolvere l’emergenza abitativa requisendo le case che i privati lasciano vuote o inutilizzate, si traduce in un vero e proprio esproprio.

La mozione è del tutto illegittima, sia dal punto di vista giuridico, sia dal punto di vista sociale, ed i Piccoli Proprietari Case (Appc) sono pronti a scendere sulle barricate, in quanto in uno stato democratico si ha il diritto-dovere di tutelare la proprietà privata, e con essa il risparmio, come sancito dall’articolo 47 della Carta costituzionale, non il diritto di vessarla.

L’Appc è pronta ad una difesa ad oltranza, se necessario, anche davanti al TAR, nel ritenere che non può essere giustificata una posizione tanto estrema ai danni della proprietà.

Bene avrebbe fatto l’Amministrazione comunale a mettere in atto una politica conservativa e riorganizzativa del patrimonio immobiliare pubblico. E’ da considerare che troppe sono state le Amministrazioni locali che si sono fatte parte attiva per la dismissione di case popolari, in nome di risanamenti di bilancio. L’Appc, da sempre, si è collocata contro il depauperamento e la svendita del patrimonio pubblico, denunciando iniziative che andavano a minare quello stato sociale nel quale avevano creduto le precedenti generazioni.

Oggi, alloggi pubblici, conservati ed adeguati, avrebbero potuto, non risolvere, ma almeno fronteggiare molte emergenze abitative, per le quali deve lavorare una politica seria, costruttiva, capace di abbattere barriere sociali ed in grado di creare nuove opportunità.

Ai cittadini la valutazione delle scelte di una classe politica locale che, spesso, si dimostra superficiale ed inadeguata.
Nuovamente, l’imperativo categorico deve essere porre al centro dell’attenzione la gestione del patrimonio pubblico, coinvolgendo negli organismi di gestione anche i rappresentanti delle associazioni della proprietà in grado di apportare un rilevante contributo di esperienza.

L’accordo tra Ente pubblico e proprietari, poi, è l’unica strada percorribile per utilizzare il privato.

E’ da rilevare che decisioni, come quella di cui stiamo argomentando debbono essere fermate da subito, in quanto in una libera economia iniziative inopportune ed a carattere incostituzionale contribuiscono a sfiduciare un mercato immobiliare già al collasso, che, così facendo, difficilmente, potrà, nell’immediato, contribuire allo sviluppo ed alla crescita del nostro Paese, riprendendosi il ruolo di volano dell’economia.

Requisire un alloggio è scelta che ha il sapore del “furto” ai danni del piccolo proprietario, che verrebbe privato del più elementare principio di libertà economica, considerato anche che il “bene casa” è coacervo di sacrificio e risparmio.

dott. Flavio Maccione
Segretario generale nazionale APPC
 

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.