INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Fisco casa > BONUS PRIMA CASA E SEPARAZIONE 18/11/2017 16:30:29   


Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 BONUS PRIMA CASA E SEPARAZIONE
 03/08/2016 16:12

Una delle problematiche particolarmente sentite ed analizzate in caso di separazione dei coniugi è la valutazione dell'eventuale decadenza dalle agevolazioni fiscali.

In materia, la giurisprudenza, segue due orientamenti: il primo, pro fisco, prevede la perdita delle agevolazioni predette nell'ipotesi di trasferimento dell'immobile in favore dell'ex coniuge, qualora il trasferimento stesso avvenga in seguito agli accordi pattuiti in sede di separazione consensuale. Secondo gli Ermellini, infatti, tale cessione ricade nella volontà del cedente e non è funzione di un provvedimento giudiziale di omologazione.

Il secondo orientamento, invece, più vicino al contribuente, si basa sull'assunto che l'attribuzione all'ex coniuge della proprietà della casa coniugale, sempre quale condizione prevista nell'atto di separazione, rappresenti una mera modalità di utilizzazione dell'immobile stesso, ai fini di una migliore definizione dei rapporti tra gli ex coniugi, che risulta svincolata dalla corresponsione di corrispettivi e, pertanto, priva di un intento speculativo.

Questa ratio, già delineata dalla Cassazione con ordinanza n. 3753/2014, è stata ripresa dalla stessa con sentenza n. 5156/2016 con cui la Supema Corte ha ribadito la permenza dei benifici fiscali derivanti dall'acquisto della prima casa, anche nel caso in cui i coniugi si separino consensualmente e la casa coniugale venga trasferita all'ex coniuge.

Seguendo questa logica, quindi, e riprendendo quanto asserito dagli Ermellini con sentenza n. 2273/2014, quanto detto trova maggiore valenza qualora il proprietario dell'immobile conceda all'ex coniuge il solo godimento temporaneo del bene, in presenza dei figli.

Difatti l'art. 1 della Tariffa allegata al d.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, nota II bis, lett. b) e c), dispone la perdita dei c.d. benefici fiscali prima casa nel caso in cui l’acquirente sia "titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui e' situato l'immobile da acquistare" ovvero se possiede pure "per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni".

Aggiungasi, poi, che con sentenza n. 860/2014 la Suprema Corte ha, diffatti, stabilito che in caso di atti esecutivi delle pattuizioni intercorse tra i coniugi, sotto il controllo del giudice, per definirne i rapporti patrimoniali in seguito allo scioglimento del matrimonio ovvero alla separazione, compresi quelli per il riconoscimento o il trasferimento della proprietà, mobiliare o immobiliare, all’uno o all’altro degli ex coniugi, ovvero in favore dei figli,  l’agevolazione fiscale prima casa spetta solo se i soggetti che li pongano in essere siano gli stessi coniugi che hanno concluso i suddetti accordi.

dott. Maria Rosaria Monsellato
Centro Studi Nazionale Appc
 

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.