INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Leggi immobiliari > VENDITE ALL’ASTA PIÙ CONVENIENTI, MA SOLO PER I SOLITI NOTI 18/11/2017 16:31:33   


Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformità catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza età
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 VENDITE ALL’ASTA PIÙ CONVENIENTI, MA SOLO PER I SOLITI NOTI
 22/02/2016 12:44

Con il decreto legge n. 18 del 14/02/16 (Misure urgenti per la riforma delle banca di credito cooperativo) è stata introdotta, all’art.  16, una disposizione che agevola la vendita nelle aste giudiziarie.

La nuova norma prevede che per i trasferimenti della proprietà o di altri diritti reali su beni immobili, nell'ambito di una procedura giudiziaria di espropriazione immobiliare (aste), le imposte da pagare (registro, ipotecaria e catastale) non sono nella misura ordinaria, che è complessivamente del 10%, ma nella misura fissa di 200 euro.

Come è evidente si consente, per chi acquista un immobile in sede di asta, di avere uno sconto fiscale considerevole. Per esempio se l’assegnazione ha per oggetto un immobile al prezzo di 200.000,00 euro il risparmio è di 18.000,00. Questa operazione determinerà per lo Stato una perdita del gettito fiscale quantificato nel decreto per 220 milioni di euro. Ovviamente questa mancanza di gettito dovrà essere coperta nel bilancio 2016 o attraverso riduzioni della spesa (cosa improbabile) o con l’aumento del debito (vietato dai vincoli europei, per fortuna) o con l’aumento di altre imposte (cosa più probabile).

La cosa più grave e che fa sorgere profili di incostituzionalità è la previsione che lo sconto fiscale è applicabile solo se l’immobile viene rivenduto entro due anni dall’assegnazione. Se la rivendita non avviene nel biennio successivo all’assegnazione l’assegnatario dovrà pagare all’erario l’intera l’imposta a suo tempo scontata incrementata della sanzione del 30%.

E' chiaro che i soggetti interessati a questo provvedimento, estremamente conveniente, sono pochi e ben individuati. Sono coloro che acquistano a prezzi di realizzo immobili nelle aste giudiziarie per poi rivendere al prezzo di libero mercato evitando di dover pagare nel primo passaggio imposte per il 9% del costo sostenuto.

Chiaramente i soggetti che porranno in atto queste operazioni speculative sono le grandi società immobiliari, ma soprattutto le banche che hanno già delle società di cartolarizzazione in cui far confluire gli immobili bloccati nelle aste giudiziarie. Questa operazione permetterebbe loro di accelerare i tempi delle vendite e nello stesso tempo lucrare sullo sconto di imposta.

E’ un provvedimento che viola le norme costituzionali sotto diversi profili in particolare per violazione dell’art 3, 42 e 53 della Costituzione e in ogni caso riconosce un privilegio fiscale immotivato a soggetti che non possono essere considerati deboli e meritevoli di tutela.

Ultima osservazione nel merito del provvedimento, la mancata previsione di una forma di pre deduzione per le manutenzioni pagate dai condomini per evitare il degrado degli immobili oggetto di esecuzione forzata. Forse era opportuno affrontare anche questo aspetto non secondario che fa gravare sui condomini virtuosi oneri impropri diretti a conservare il valore del bene che verrà poi assegnato nell’asta giudiziaria.

dott. Vincenzo Vecchio
Centro StUdi Nazionale APPC
 

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le più rappresentative a livello nazionale.