INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > Fisco casa > localtax o tassa locale 25/09/2017 15:19:05   


Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà




Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 localtax o tassa locale
 21/04/2015 12:40

Il governo pronto a sfornare la localtax, viaggio tra speranza, illusione e disincanto!
Localtax una delle tante sigle fiscali, o tassa locale foriera di alleggerimento e riordino fiscale?

Tutti sono consapevoli che la casa, un volano determinante per lo sviluppo e la crescita, necessita di un approfondito restylingfiscale.

No! a cambi di sigle senza mutarne le consistenze! Non col cambio di acronimi, ma con ampie e approfondite potature, che riducano il peso fiscale, accresciuto negli ultimi quattro anni del 176%,si può fare ripartire il settore immobiliare.

Alleggerire il carico delle tassesulla casa, deve essere l’imperativo categorico, se vogliamo invertire la corsa all’impoverimento, scacciare il timore per il futuro etornare a consumare.

L’Italia, sul piano internazionale, è il paese che ha la maggiore pressione fiscale, che è salita col governo Monti al 2,2 % sul PIL, contro una media OCSE dell’1,27% e,paragonandola alla sola media dell’UE dove la pressione scendeall’1,15% sul Pil,è evidente quanto in Italia pesi il fisco.

Accingersi, pertanto, a parlare del “mattone”,compartoche rappresenta il 20% del PIL nazionale,si rischia di essere monotoni e ripetitivi, in unoscenarioche continua ad essere deprimente e senza via d’uscita, il governo Renzi, con la localtax demanderà agli Enti localil’entità dei prelievi, senza intraprendere un percorso che lasci intravedere un barlume di speranza sull’alleggerimento della tassazione, che ha raggiunto una pressione del 43,5%.

Tutti si sono affannati e si affannano, senza riuscire a rimettere in moto il settore dell’immobile, sul quale in tanti hanno concentrato i loro sogni e le loro speranze.

Ciò che era stato inseguito e perseguito, a suon di sacrifici, oggi, a meta raggiunta, non produce sollievo, o appagamento, ma innesca preoccupazione eangoscia per i numerosi oneri che vi incombono e per il timore di non riuscire a mantenerlo.

Infatti èla pressione fiscale che, quale fiume tumultuoso, nel suo cammino, ha travolto completamente un settore portante dell’economia.

Mai, come in questi ultimi anni, un susseguirsi di normative, che si sonoframmentate in infiniti rivoli, introdotte a livello centrale e locale, ha reso impossibile il districarsi in una giungla impenetrabile e oscura, che, tra l’altro, ha prodotto infinite sperequazioni.

La tantoauspicata localtax ,che spazzerà via IMU prima e seconda casa, Tasi, addizionali Irpef e tasse varie e,che si affaccia ad un orizzonte ancora ricolmo di nembi minacciosi, di difficoltà e di dubbi, dovrebbe rasserenarci, almeno,col riunire in un unico appellativo le tasse locali, che colpiscono, in forma diretta ed indiretta,la casa, portando ad una semplificazione delle impostecomunali, che ci consenta di respirare in un groviglio di infinite regole, che sono cresciute e si sonodifferenziate in modo esponenziale.

Ma ha anche l’effetto di procurarci e fare insorgereserie preoccupazioni, visto che le amministrazioni locali, sempre più fameliche eda corto di risorse,alle prese con le necessità e le difficoltà pratiche di “fare cassa”, saranno ancora pronte a colpire il “sudato”e sempre più “attenzionato”mattone,con il creare una “tassa superconcentrata”.

Così, la casa, quella chimera da inseguire si è trasformata in incubo dal quale liberarsi.

Oggi in molti rinuncerebbero al loro tetto di proprietà, pur di non fare i conti con una tassazione, che, nonostante le rassicurazioni, i proclami, gli annunci, resta in tendenziale crescita, e continua a mordere, ma il mercato immobiliare è in caduta libera.

Non si può continuare ad accettare gravami fiscalidopo che si sono succeduti governi che, quanto a tasse, hanno usato e usano lo stesso spartito musicale.

No! Il mattone non deve essere per lo Stato e gli Enti locali il Bancomat dal quale continuare a prelevare!

dott. Flavio Maccione
segretario generale nazionale Appc
 

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.