INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > News > La responsabilitą del custode 19/11/2018 22:35:33   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà






Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 La responsabilitą del custode
 20/04/2015 16:29

La responsabilità del custode in base ad una recente decisione del Tribunale di Genova

La decisione del Tribunale di Genova, che qui brevemente si commenta (sentenza n. 640/2015, Tribunale Genova, Sez. II, Dott.ssa V.Albino)presenta qualche interesse, anche per quanto riguarda l’ambito strettamente condominiale in cui spesso viene invocata una responsabilità dell’“Ente Condominio”, in caso di danni riferibili a parti comuni, ai sensi ed agli effetti dell’art. 2051 c.c.

Nel caso concreto, il Giudice, sulla scorta degli insegnamenti della Suprema Corte ha ritenuto che la responsabilità per i danni cagionati da cose in custodia, e nel caso dal Condominio, di danni causati dalle cose comuni, abbia carattere oggettivo, e che tale responsabilità sia esclusa solamente dal “caso fortuito” che consiste in un “elemento esterno recante i caratteri della imprevedibilità, della eccezionalità, e della inevitabilità”, e che può essere costituito anche dal fatto del terzo o dello stesso danneggiato, idoneo ad interrompere del tutto il nesso causale intercorrente tra la cosa e l'evento (il giudicante citava ex pluribus la sentenza alla Corte Cass. n. 8229/2010).

Da tale premesse, il giudicante ha ritenuto, nella fattispecie in esame, che la piena visibilità dello stato dei luoghi, l’illuminazione congrua del locale, la linearità del tratto percorso, l'assenza di un minimum apprezzabile di anomalie, fossero elementi idonei ad escludere che la caduta di parte attrice fosse addebitabile alla proprietà dell'edificio stesso.

Infatti, parte attrice aveva lamentato le conseguenze di una caduta avvenuta in una situazione che, però, non determinava di per sé la responsabilità per cose in custodia.

Il giudicante ha, pertanto, ritenuto che nel tratto di percorso compiuto da parte attrice non vi fosse una situazione di pericolo “socialmente apprezzabile” (dizione usata dalla Sezione del Tribunale di Genova), e, pertanto, che la situazione lamentata astrattamente dell’attrice non poteva essere considerata come “causa effettiva” del fatto di cui il giudizio.

Si segnala il pronunciamento di cui sopra in quanto parrebbe costituire una interpretazione “restrittiva” delle ipotesi normativa prevista dall’art. 2051 c.c.

Avv. Valentina Massara
Avv. Roberto Negro
Centro Studi APPC
 

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.