INSIEME DA 40 ANNI UN LUNGO PERCORSO PER PROMUOVERE IL BENE CASA FONTE DI SVILUPPO ECONOMICO E DI BENESSERE PER TUTTI I POPOLI.
Home Chi Siamo Dove Siamo Il direttivo nazionale Contattaci

 Sei in: Categorie > News > PRESTITO VITALIZIO IPOTECARIO 19/11/2018 23:10:34   



Convegno Nazionale APPC in Roma: investire sulla sicurezza dei fabbricati è un atto di civiltà






Categorie
 News
 Osservatorio Immobiliare
 Convenzioni
 Istat
 Tassi di Interesse
 Locazione
 Contratti concordati della Spezia
 Condominio
 Vetrina Immobiliare
 Notiziari
 Ricette tradizione spezzina
 Comunicati stampa
 Comuni ad alta tensione abitativa
 Conformitą catastale nella compravendita
 Interventi edilizi - nuove norme
 Cedolare secca
 Convenzione APPC-Studio Imm.re
 Convenzione APPC-Carispezia
 Risparmio energetico
 Fisco casa
 La casa della terza etą
 Leggi immobiliari

info
 Cookies Privacy

Link Utili
 Agenzia delle Entrate della Spezia
 Agenz. del Territorio della Spezia
 Comune della Spezia
 Spezia Risorse
 Provincia della Spezia
 Regione Liguria
 Parco delle Cinque Terre
 Vigili del Fuoco
 Corpo Forestale dello Stato
 Polizia di Stato
 Alac
 Lega Consumatori
 Il Meteo
 Studio Immobiliare La Spezia
 Istituto nazionale di statistica

Segreteria Nazionale
Area riservata
 Username
 Password




 PRESTITO VITALIZIO IPOTECARIO
 13/04/2015 17:00

Il testo sul prestito vitalizio ipotecario è stato recentemente approvato dal Senato ed è quindi diventato legge.

Si tratta di una nuova opportunità per il proprietario di un immobile di ottenere liquidità da un istituto bancario o da una finanziaria, senza perdere la titolarità del diritto sul proprio bene, né la disponibilità dello stesso.

In estrema sintesi, il proprietario di un immobile, che deve avere una età superiore ai 60 anni, può convertire in contanti parte del valore del bene, che viene ipotecato a garanzia del finanziamento.

Possono naturalmente essere concordate le specifiche modalità di rimborso graduale di interessi e spese, a seconda delle esigenze e delle possibilità del richiedente. In caso di decesso del beneficiario, i suoi eredi potranno decidere di estinguere il debito nei confronti della banca oppure di vendere l’immobile ipotecato o, ancora, di affidare all’istituto stesso la vendita dell’immobile al fine di rimborsare il credito.

Rispetto alla nuda proprietà, alternativa già esistente che consente al proprietario di soddisfare esigenze di liquidità, il prestito ipotecario vitalizio prevede per il mutuatario il vantaggio di non perdere la proprietà dell’immobile e non preclude agli eredi la facoltà di recuperare l’immobile dato in garanzia.

Ovviamente nel corso del finanziamento i diritti del proprietario subiscono una sorta di limitazione, diretta a tutelare gli interessi della banca, per cui il beneficiario non può trasferire in favore di terzi la proprietà o diritti reali sull’immobile dato in garanzia, né compiere atti che possano ridurne significativamente il valore; in caso contrario, l’istituto può richiedere il rimborso integrale del debito in un’unica soluzione.

In tal caso, se entro dodici mesi il finanziamento non viene integralmente rimborsato, sarà il soggetto finanziatore a vendere l’immobile a un valore pari a quello di mercato, determinato da un perito appositamente incaricato.

Ad oggi siamo in attesa che venga adottato il regolamento che dovrà stabilire le regole per l’offerta dei prestiti vitalizi ipotecari e individuare nel dettaglio i casi in cui l’istituto potrà richiedere il rimborso integrale del finanziamento.

A cura Centro Studi Appc Antonino Caridi - La Spezia
Avv. Marco Angelini

 

Quanto contenuto nel presente articolo ha carattere esemplificativo e non esaustivo per approfondimenti specifici occorre consultare, se iscritti , la sede A.P.P.C.




L' A.P.P.C Associazione Piccoli Proprietari Case, è una delle associazioni della proprietà immobiliare riconosciuta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tra le pił rappresentative a livello nazionale.